Meeting annuale delle Città Creative Unesco, dal 18 al 21 settembre

 

Dal prossimo 18 settembre Bologna ospiterà per 4 giorni il Meeting annuale delle Città Creative UNESCO.

 

Amministratori e funzionari provenienti da 34 città di tutto il mondo si troveranno a Bologna per discutere insieme delle attività in corso e future del Network nato sotto l’egida dell’UNESCO, ma anche in tavoli separati per affrontare aspetti specifici, legati alle 7 categorie in cui si articola la rete.

In programma due sessioni plenarie che si svolgeranno il 19 e il 20 settembre, nella Biblioteca dell’Archiginnasio, e due sessioni parallele dedicate ai 7 subnetworks, che prevedono sia riunioni di lavoro che visite studio ad importanti realtà “creative” del territorio.

A oggi le Città Creative riconosciute dall’UNESCO sono 34 città di cui 14 europee, 11 asiatiche, 3 nordamericane, 3 sudamericane, 2 australiane e 1 africana. Bologna è l’unica rappresentante italiana.

In occasione di quest’appuntamento internazionale, Bologna “città creativa per la musica” proporrà ai partecipanti una selezione di eventi con artisti di rilievo. Tra questi, il concerto di Cristina Zavalloni, emergente cantante e compositrice bolognese presso l’Auditorium Unipol; performance artistiche portate dalle altre città creative per la musica, che troveranno spazio in altrettanti luoghi di prestigio del centro storico, e un workshop dal titolo “Makers in the Creative City”, con l’intervento di importanti testimonial che – ciascuno nel proprio ambito produttivo – hanno fatto della creatività la loro arma vincente.

Completa il programma un B2B riservato agli operatori, che favorirà l’incontro tra creativi bolognesi e creativi provenienti dalle altre 33 città appartenenti al Network.

Le città creative riconosciute dall’UNESCO si riuniscono per la prima volta a Bologna. Il Network delle Città Creative è stato promosso dall’UNESCO nel 2004 con l’obiettivo di creare un legame tra città che hanno la creatività culturale come elemento essenziale per la propria identità. Le città che entrano a far parte della rete sono riconosciute come ‘hub’ creativi  in grado di veicolare lo sviluppo culturale e socio-economico in tutto il mondo attraverso un sistema fatto di imprese e operatori culturali.

I partecipanti potranno inoltre conoscere il territorio attraverso incontri con operatori e imprese locali, ‘study visits’ ai luoghi di riferimento per ogni settore disciplinare, opportunità di networking ed eventi culturali. Le visite studio annoverano eccellenze come la Ducati, il museo del gelato di Carpigiani,  il Museo Internazionale della Musica e l’Oratorio di San Colombano, e la Cineteca.

Da segnalare nel programma delle iniziative con cui Bologna accoglierà i suoi ospiti internazionali il concerto di Cristina Zavalloni all’Auditorium UNIPOL, l’incontro con i partecipanti alla cerimonia della firma della Magna  Charta, in occasione della conferenza di Umberto Eco.

Fonte:

http://www.bolognatoday.it/eventi/cultura/unesco-eventi-meeting-citta-creative-18-21-settembre-2013.html

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...