CASSANO delle MURGE, 9 giugno 2013

TRA TRADIZIONE ED INNOVAZIONE, UN TERRITORIO ALLA RICERCA DELLA SUA IDENTITÀ

Domenica, 9 giugno 2013

L’escursione di una giornata si propone di far conoscere le peculiarità naturalistiche del  territorio di Cassano e le emergenze storico-artistiche in esso presenti

Programma

9,30 –11:00    Visita guidata alla Pinacoteca e palazzo Miani

11:30-13:00    Passeggiata naturalistica nella foresta di Mercadante (possibilità di percorso trekking o nordic-walking)

13:00-16:00    Pranzo

16:00:17:30    Visita guidata alla grotta di Cristo con lo speleologo /o passeggiata nel bosco naturale di Mesola

17:00:18.00    Convento Santa Maria degli Angeli- Visita guidata alla chiesa ed alla grotta

18,30               Partenza

Brevi note su Cassano e il suo territorio

Cassano delle Murge, circa 14.500 abitanti, situata a m. 321/474 s.l.m., a 29 Km. dal suo capoluogo, Bari, si stende ai piedi del gradino superiore delle Murge in una posizione molto amena. Dalle sue colline più alte si gode un panorama inimitabile che abbraccia il Gargano e l’ampia conca della Valle d’Itria.

La sua particolare posizione geografica, la presenza di molti boschi di querce, di cui due, Mesola e Bellamia, di proprietà comunale e la meravigliosa foresta di  “Mercadante”, ne ha fatto una delle zone predilette per l’agriturismo in costante crescita. La foresta “Mercadante”, impiantata  nel 1928 per arginare il problema delle alluvioni (nota quella che colpì la città di Bari nel 1926), si estende per oltre milletrecento ettari di pini, cipressi e roverelle, all’interno dei quali è facile scorgere volpi, faine e donnole, oltre che a numerose specie di volatili.

Il neoclassico palazzo Miani – Perotti, di proprietà comunale, risalente al 1763, progettato dall’arc. Vincenzo Ruffo, allievo del Vanvitelli, (architetto Reggia di Caserta) risente di influenze tardobarocche napoletane. Attualmente ospita la Biblioteca Comunale , la Pinacoteca comunale ed è la sede Legale del Club UNESCO di Cassano.  Durante dei lavori di ristrutturazione, sono venuti alla luce alcuni pavimenti a mosaico di epoca romana e frammenti di ceramica di età medioevale.

Nel 1250 circa, a seguito di triplice visione rivelatrice ad un pio sacerdote cassanese, avviene la scoperta dell’immagine della “Madonna degli Angeli“, affrescata su una parete della grotta naturale posta sulla Murgia di Cassano. L’Immagine Sacra era stata nascosta nella grotta plurimillenaria a seguito delle persecuzioni (717-741) di Leone III detto l’Iconoclasta. La scoperta aveva subito fatto accorrere sul colle, non soltanto la popolazione cassanese ma anche una grande massa di pellegrini da ogni dove provenienti.

Fu eretta una Chiesetta e alcune cellette che ospitarono i primi assistenti del sacro luogo: i Francescani Minori dell’Osservanza. Nel 1598 furono sostituiti dagli “Alcantarini”. La Grotta della Madonna degli Angeli Trascorsi oltre due secoli dal ritrovamento, fu costruito il nuovo Convento, autorizzato con Bolla di SS. Papa Paolo II in data 29 maggio 1469, grazie alle donazioni dei cassanesi Bartolomeo Cimbrone e Sac. Don Domenico De Consulibus e le elargizioni del feudatario di Cassano, Giulio Antonio Orsini-Acquaviva, Duca d’Atri. La festività della “Vergine degli Angeli” era stata stabilita il 2 agosto di ogni anno, e si solennizzava sul Convento, a cui si aggiunse una fiera di 8 giorni accordata da Carlo VIII, Re di Francia, con regolare Diploma del 25 Aprile 1495.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...